CIAO
Ultimi argomenti
» L'allenamento del giorno.
Da differentgear Lun 16 Gen 2017, 07:14

» Buongiorno!!!
Da differentgear Ven 13 Gen 2017, 08:09

» Oggi ho comprato per correre...
Da pelle Gio 12 Gen 2017, 22:19

» Il pensierino del giorno
Da differentgear Gio 12 Gen 2017, 10:40

» opinione su mia "storia" e consiglio scarpe iperpronazione
Da hopfield Lun 09 Gen 2017, 22:30

» Che libro stai leggendo?
Da zivago Mar 03 Gen 2017, 08:40

» Classifica Forrest Gump 2016
Da zivago Lun 02 Gen 2017, 14:01

» Il meteo
Da rikchecorre Ven 30 Dic 2016, 23:24

» Come ci alleniamo adesso?
Da castoro Gio 29 Dic 2016, 17:55

» Allenamenti Castoro
Da differentgear Mer 28 Dic 2016, 08:48

» Buon Natale 2016
Da differentgear Mar 27 Dic 2016, 14:03

» Tanti auguri
Da rikchecorre Mar 20 Dic 2016, 15:58

» Ritorno al nuoto
Da differentgear Mar 20 Dic 2016, 09:15

» L'Arte nella Corsa
Da Lyroy Lun 19 Dic 2016, 18:01

» La gara del giorno
Da castoro Lun 19 Dic 2016, 06:28

» Oggi mi sento...
Da differentgear Ven 16 Dic 2016, 10:56

» Oxeego Stivo On The Rock Sky Marathon 35 k 2500 D+ 13.11.2016
Da differentgear Gio 15 Dic 2016, 08:35

» Musica, Video, Cinema !
Da differentgear Gio 08 Dic 2016, 21:40

» MALEDIZIONI bonarie e BENEDIZIONI prudenti.
Da differentgear Mar 29 Nov 2016, 08:11

» Con questo freddo: fase di riscaldamento!!!
Da differentgear Gio 24 Nov 2016, 15:14

Visite

Il forum e il “libro delle facce”.

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Il forum e il “libro delle facce”.

Messaggio Da zivago il Mer 08 Giu 2016, 13:02

Il forum e il “libro delle facce”.

Apprendo, da una recente discussione, che ci sono “storici” e un tempo assidui frequentatori del nostro forum che ora preferiscono utilizzare Facebook. È un'individuale e libera scelta, del tutto rispettabile. A me sembra, però, che questo cambio segua una tendenza, una propensione a comunicare e relazionarsi con altri mezzi ritenuti più moderni, più immediati, più efficaci e più universali.
Io, che non uso Facebook, vorrei quindi chiedere a voi gente più “sgamata” nel mondo dei social:
« Cosa fa preferire Facebook ai più tradizionali forum? »

*****

Poi, più in generale, vorrei anche comprendere gli improvvisi e immotivati abbandoni di questo consesso. Non voglio dire non si possa, anche di punto in bianco, abbandonare una comunità; nemmeno che si debba giustificare la dipartita. Tuttavia non capisco un certo modo di andarsene; mi sconcertano le improvvise defezioni senza un minimo di riguardo verso chi si lascia.
È come se durante un ritrovo conviviale uno degli ospiti si alzasse improvvisamente dal tavolo e se ne andasse senza salutare nessuno, senza un accenno di spiegazione. Certo il suo comportamento può essere giustificato da un'improvvisa urgenza; il successivo silenzio può dipendere da ostacoli insuperabili.  Ma cosa pensare dell'amico che, senza nemmeno un saluto, se ne va, lascia la compagnia... per andare a sedersi ad un altro tavolo?
avatar
zivago
Piè Veloce
Piè Veloce

Messaggi : 858
Data d'iscrizione : 03.07.14
Età : 62
Località : Brianza

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il forum e il “libro delle facce”.

Messaggio Da Pablo il Mer 08 Giu 2016, 14:20

Per quello che mi riguarda sono "anti facebook" per antonomasia, ho registrato un'account sul libro delle facce per il gruppo musicale in quanto credo che a livello socio-mediatico sia una bella vetrina per la band ed anche per il locale che ospita la serata.
Ho perfino "barato" nel senso che sono riuscito a non mettere nome e cognome proprio in fase di registrazione della pagina, poi per le attività del Forum come ormai avrai capito non sono molto "social" preferisco parlare di allenamenti, gare e tempi ma essendo fermo da più di un mese per colpa di un ginocchio ballerino ho attenuato la mia presenza qui.
Non è un'alibi, io ai tavoli di solito mi alzo per ultimo è solo per rispondere adeguatamente ad una considerazione assolutamente lecita e purtroppo fondata.
Pablo
avatar
Pablo
Super Runner
Super Runner

Messaggi : 1597
Data d'iscrizione : 16.03.13
Età : 46
Località : Imola

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il forum e il “libro delle facce”.

Messaggio Da differentgear il Mer 08 Giu 2016, 21:05

Per me ti dirò amo facebook perché mi permette di tenermi in contatto con persone che altrimenti vedrei col binocolo. Ho poco tempo e magari un "mi piace" indica la mia presenza ad un amico anche se appunto il tempo è poco.
Il forum mi piace molto e per questo almeno un saluto entro sempre a farlo e non salto troppo tempo senza farmi sentire.
Non sono nemmemo quella che "vincola gli amici" anche se alle volte ci posso restare male per alcuni comportamenti che come dici tu sembra "ti abbandonino al tavolo" ma credo che ognuno di noi abbia il suo modo do vivere le cose ... affetti compresi. Accetto la diversità pur magari soffrendone un pochino.
Mi ricordo su un blog ... avevo un'amica, mi piaceva tantissimo questa ragazza ... la sentivo per telefono ... ad un certo punto è "sparita". Nemmeno al telefono rispondeva più. Che devo fare? Per quanto affetto avevo ... così è andata ... a volte ammetto la cerco ancora, sul suo blog rimasto così bloccato da anni.
avatar
differentgear
Moderatrice Pink
Moderatrice Pink

Messaggi : 9649
Data d'iscrizione : 16.03.13
Età : 46
Località : Trento

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il forum e il “libro delle facce”.

Messaggio Da rikchecorre il Gio 09 Giu 2016, 00:11

Premesso che anch'io non ho FB, credo che l'errore di fondo del ragionamento di zivago sia nell'equiparazione tra forum e FB... (visti come tavoli della stessa stanza/ristorante)
Il forum è un luogo virtuale dove si discute di un argomento abbastanza preciso (divagazioni a parte), FB è un calderone dove si ficca un po' tutto...
lo vedo essenzialmente come un mix (in versione social-moderna) tra un diario e un album di foto... entrambe cose, per inciso, che una volta erano private, ora sono sotto gli occhi di tutti (si, ci sono i profili privati ma mi sembrano un'eccezione), con conseguenze sulla privacy (ma esiste ancora??) ben descritte (con un filo di esasperazione) nel film "Perfetti sconosciuti"...
FB tra l'altro, come ricorda Eliana, si presta molto meglio (con i "like" o le emoticons) rispetto ai forum a forme di comunicazione istantanea più adatte alla odierna vita frenetica...
non credo quindi, per concludere, che ci si assenti (più o meno a lungo) da un forum perché si "preferisce" FB... lo si fa perché scrivere su un forum richiede tempo e voglia di discutere... e non sempre si hanno...
avatar
rikchecorre
Forrest Gump
Forrest Gump

Messaggi : 1181
Data d'iscrizione : 20.03.13
Età : 54
Località : Roma

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il forum e il “libro delle facce”.

Messaggio Da castoro il Gio 09 Giu 2016, 07:07

Uso FB quotidianamente, da un pò ho 2 profili, uno lavorativo dove pubblicizzo la mia attività, parlo del mio lavoro, sono iscritto a gruppi inerenti il mio lavoro e che mi porta continuamente clienti a costo zero, l'altro profilo, quello storico lo uso per parlare di corsa e per il "cazzeggio" libero.
Rispetto al forum si dialoga con molte più persone, anche con chi non è nella nostra lista di "amici" virtuali (in questo caso frequentando i gruppi), sicuramente è uno spazio più morbi e fuggi, per questo è preferito ai forum da moltissime persone, io sono iscritto a 2 gruppi di quartiere dove si parla e si discute di problematiche del nostro territorio, poi sono iscritto ad un gruppo scolastico dove anche qui si trattano le questioni della scuola dei nostri figli ecc.
In realtà rispetto a quanto si pensi è davvero utile, si possono trovare informazioni in tempo reale su qualsiasi argomento, ad esempio nei 2 gruppi di quartiere si viene avvisati della situazione traffico, meteo o altro ancora prima di uscire di casa, si chiedono professionisti e/o artigiani di zona in base alle proprie esperienze ed il tam tam è davvero utilissimo, insomma, se si sa utilizzare nel modo giusto è davvero uno strumento molto ma molto utile Wink

_________________
PB 10km (ott. 2011): 43'14"
PB Mezza (25/04/2014): 1h37'45"
PB 30km (ott 2011): 2h25'29"
PB Maratona (04/05/2014) 3h39'22"
PB 50km (18/01/2015): 5h12'36"
PB 58km (mar 2013): 6h23'01
100km del Passatore 2013: 17h47'05"
----------------
Ciao Paolo
avatar
castoro
Amministratore
Amministratore

Messaggi : 10429
Data d'iscrizione : 16.03.13
Età : 44
Località : Infernetto - Roma

http://www.robertotiberi.it/

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il forum e il “libro delle facce”.

Messaggio Da -francesco- il Gio 09 Giu 2016, 08:00

Il solo fatto che tutti(o quasi) abbiano fb è un motivo ( tra i tanti) per non averlo. Per carità!
avatar
-francesco-
Forrest Gump
Forrest Gump

Messaggi : 1421
Data d'iscrizione : 12.04.13
Località : Roma

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il forum e il “libro delle facce”.

Messaggio Da Federoca il Gio 09 Giu 2016, 15:04

Concordo con Roberto e questo è anche il motivo per cui io (che sono sicuramente tra le persone a cui pensa Zivago) ho continuato a frequentare FB ma ho smesso per un pò di venire qui. Ultimamente ho pochissimo tempo libero, FB è molto più diretto, riesco ad accedere agevolmente anche da telefono, cosa che con il forum non riesco a fare. Purtroppo Zivago spesso le assenze improvvise non sono volute, ma imposte dai ritmi di vita. E non escludo che, dopo oggi, io sparisca per altri due mesi... Ma ti garantisco che non è una mancanza di rispetto nei vostri confronti o menefreghismo, anzi.

_________________
"La verità è che nessuno ti regala niente, che devi sempre lavorare duro"
P.B.
10,000 km. 49.51 (Campegine 2012)
21,097 km. 1.51.00 (Formigine 2015)
42,195 km. 4.18.57 (Collemar-athon 2013)
100 km. 14.08.21 (Passatore 2015)
avatar
Federoca
Moderatrice Pink
Moderatrice Pink

Messaggi : 4853
Data d'iscrizione : 20.03.13
Età : 36
Località : Divisa corpo e cuore tra Parma e Reggio Emilia

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il forum e il “libro delle facce”.

Messaggio Da zivago il Ven 10 Giu 2016, 05:37

Ciao a tutti.
Vediamo dunque se io, che non sono un “nativo digitale”, ho capito qualcosa di più su questo benedetto Facebook.

Vado per punti:
1.-  con FB si ha modo di “vedersi”, di “incontrarsi” e quindi “piacersi”, in permanenza e ovunque ci si trovi, con una moltitudine di persone. È come un diario, nel quale si scrive di tutto: realtà e fantasie. Con questo servizio si può socializzare con “amici” (veri o presunti) senza i vincoli, gli obblighi, le formalità che le frequentazioni reali comportano. Insomma con FB si è sempre connessi con qualcuno; eppure "alone together" insieme e soli .

2.-  i forum sono meno usati perché richiedono troppo tempo. Infatti l'odierna vita frenetica non permette di soffermarsi troppo a pensare cosa e come scrivere.
FB, invece, è veloce e immediato: ha tutta una serie di soft-touch, icone, faccine per evitare di star lì a cercar le parole da dire.
Tutti, infatti, dicono di essere troppo incasinati. Il tempo libero a disposizione è pochissimo; é appena sufficiente per visionare qualche decina di immagini, salutare un centinaio di “amici”, leggere le risposte, controllare e inviare i like, i poke, i messaggi, le email, dare un'occhiata al meteo, alla viabilità, alle news, aggiornare il blog personale.
È un “mordi e fuggi”.  Avanza giusto il tempo per svagarsi un pochino con qualche chat o videogioco durante le pause di lavoro, quando siamo fermi nel traffico, mentre aspettiamo l'autobus, quando siamo a tavola, nel bagno, sul divano alla sera, durante la notte. Come possiamo avere tempo e voglia di discutere, in un forum o in qualsiasi altro modo e forma?

3.-   FB può essere un valido strumento per procurarsi del lavoro. Deve però essere usato bene: cosa che non tutti sanno fare. Io credevo che fossero i giovani a meglio padroneggiare questo social network. E  Invece no! La gioventù smartphone-munita è quella che meno sa cogliere le formidabili opportunità offerte da FB. È un fatto evidente: proprio loro, i sempre connessi, sono quelli che meno trovano lavoro; i più abbindolati dalle tante false promesse, dai raggiri e dalle truffe che si trovano in rete.

4.-  attraverso FB si può accedere ad un'immensità di informazioni in tempo reale. Col dito, basta fare un po' di scrolling e si può immediatamente sapere tutto, essere ovunque, controllare ogni cosa. Che bisogno c'è di noiosi approfondimenti, di studio critico, di esperienza reale? In rete c'è già tutto!

5.-  poi c'è che con FB, et similia, possiamo limitare l'obbligo alle convenzioni sociali; la seccatura del doverci muove, andar fuori la sera, uscire dal nostro guscio; la “palla” (la peggiore) della partecipazione a incontri, riunioni, assemblee, comitati, per realizzare iniziative, muovere azioni. Basta iscriversi ad un gruppo: lì puoi dire la tua, indignarti, protestare, denunciare, sfogarti come vuoi e contro chi ti pare. Se poi le sacrosante esigenze e i problemi della comunità, della città, della scuola, della sanità, degli anziani, ecc. , non vengono risolti: è tutta colpa dei fottutissimi politici che abbiamo.

P.S.  Spero che nessuno di voi si offenderà per le allusioni che ho fatto. Volutamente, ma con le migliori intenzioni, voglio provocarvi per animare la discussione; per scuotere un poco questo forum che sembra spegnersi. Se ho detto delle sciocchezze, sono pronto a sentire le vostre ragioni e a ricredermi.

P.P.S.  Devo dire che, effettivamente, scrivere, in modo articolato, su un forum richiede del tempo. Io ieri sera, dopo aver messo a nanna il cucciolo d'uomo che abbiamo in casa, per buttare giù questo post c'ho messo una buona mezz'ora. Ma, per questo forum, l'ho fatto volentieri.
avatar
zivago
Piè Veloce
Piè Veloce

Messaggi : 858
Data d'iscrizione : 03.07.14
Età : 62
Località : Brianza

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il forum e il “libro delle facce”.

Messaggio Da differentgear il Ven 10 Giu 2016, 09:00

Sicuramente la vita è troppo frenetica. Ma come scendere e prendersi il tempo? Già io una volta in settimana ormai da mesi mi permetto di rubare una mezza giornata per la corsa ... e mi sembra di rubare chissà quanto. Tutto sommato rimpiango i vecchi tempi quando alla fine avevi meno agi ma sapevi anche cosa voleva dire stare sdraiato sul divano 5 minuti. Magari dovremmo solo pretendere di fare meno ...
avatar
differentgear
Moderatrice Pink
Moderatrice Pink

Messaggi : 9649
Data d'iscrizione : 16.03.13
Età : 46
Località : Trento

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il forum e il “libro delle facce”.

Messaggio Da Federoca il Ven 10 Giu 2016, 10:28

Zivago, quello che scrivi è in parte tristemente vero. Però insomma, il fatto che si stia in contatto con le persone su FB, non vuol dire che non le si incontri più per una pizza alla sera! Personalmente ho ritrovato diverse persone con cui per diversi motivi non avevo più contatti ed ho avuto modo di rivederle anche di persona.

_________________
"La verità è che nessuno ti regala niente, che devi sempre lavorare duro"
P.B.
10,000 km. 49.51 (Campegine 2012)
21,097 km. 1.51.00 (Formigine 2015)
42,195 km. 4.18.57 (Collemar-athon 2013)
100 km. 14.08.21 (Passatore 2015)
avatar
Federoca
Moderatrice Pink
Moderatrice Pink

Messaggi : 4853
Data d'iscrizione : 20.03.13
Età : 36
Località : Divisa corpo e cuore tra Parma e Reggio Emilia

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il forum e il “libro delle facce”.

Messaggio Da simpep il Ven 10 Giu 2016, 20:59

Provo a dire anche la mia su Faccia-Libro !

Facebook, sotto l'aspetto della comunicazione, presenta diversi lati positivi e interessanti che sono sufficientemente noti. Velocità di scambio dati, sintesi espressiva e, non ultimo, capacità di ricerca di rapporti con altre persone che altrimenti occuperebbero il solo spazio dei nostri ricordi. Questo ambiente virtuale, credo sia nato con lo scopo di svolgere una funzione di super-forum con importanti riflessi "social". Tuttavia ho l'impressione che questo ambiente viva benissimo anche senza supportare alcuna diretta interazione fra i partecipanti. E' mia convinzione che la sua funzione primaria sia quella di essere una grande "esposizione umana" dove anche il più timido e "sempliciotto" dei soggetti si può ritagliare una vetrina da protagonista nella quale esporre anche la più "normale" delle idee, mimetizzata da "profonda riflessione". In sintesi, chiunque può percepire di diventare credibile e interessante.
Questo habitat offre, a costo zero, la grande illusione di appartenere al gruppo di quelli che pensano cose importanti, di quelli "da seguire" perché fanno tendenza. Allora giù con la strana foto di agenzia corredata con la frasetta estratta dal tomo del grande filosofo e, a seguire, la valanga dei "Mi piace" di quelli che hanno fatto dono della loro amicizia.
Una situazione interessante si presenta quando si vuol parlar male di qualcuno. La possibilità di creare falsi utenti permette di indirizzare al soggetto di nostro interesse giudizi negativi, insulti e fatti non veritieri. Tanto, chi controlla? Quello che conta è l'alone di opinione negativa che si riesce a costruire.
Facebook non promuove alcuna necessità di interazione fra i soggetti. Il confronto viene sostituito dal pulsante "Mi piace", forse intenzionalmente proprio per contare solo i buoni giudizi, tra i quali sono compresi anche quelli dell'ipocrisia del "la penso diversamente, ma non voglio essere escluso dal gruppo dei molti". Credo sarebbero pochi a scegliere di fare la parte esplicita del cattivo, attraverso un ipotetico pulsante "Non mi piace", tranne i casi in cui il giudizio fosse espresso da un soggetto anonimo.
Non si può non evidenziare il rischio di distacco dal mondo reale, causato dalla mancanza di abitudine ad interpretare il pensiero del nostro interlocutore attraverso il rapporto diretto e attraverso l'analisi dei messaggi di supporto che arrivano dalla sua presenza visiva. Infine, si potrebbe anche parlare della "privacy", ovvero della sua perdita, perché l'ambiente Facebook è strutturato in modo da facilitare la condivisione di fotografie, filmati e notizie inerenti alla nostra vita personale, dei nostri familiari e amici i quali spesso, con le nostre scelte e a loro insaputa, si trovano esposti nella pubblica vetrina con informazioni accessibili dalla "rete" e non più cancellabili. Inoltre, vi è anche il rischio che l'assuefazione alla "rete" produca una forte dipendenza la quale, soprattutto per gli utenti più giovani, non permette di costruire una corretta immagine del mondo, proprio per l'impossibilità di separare nettamente il virtuale dal reale.
Oltre a questi aspetti, rimangono quelli positivi inerenti alla comunicazione, alla velocità con la quale si possono organizzare eventi, prendere accordi con gli amici, etc, etc. Ma queste funzioni sono già presenti in altre tecnologie come il telefono o in applicazioni gratuite che consentono di costituire gruppi, scambiarsi informazioni e contenuti multimediali. La rilevante differenza è che questi sistemi non presentano come contropartita la perdita di privacy individuale.
>sim

_________________
......La mia vita non la misuro da quanti respiri faccio, ma dai momenti che mi tolgono il respiro......
avatar
simpep
Moderatore
Moderatore

Messaggi : 3562
Data d'iscrizione : 28.12.13
Età : 66
Località : Monserrato (Cagliari)

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il forum e il “libro delle facce”.

Messaggio Da differentgear il Sab 11 Giu 2016, 17:59

Io ho un amico inglese ... i famosi "pen friends" che ho conosciuto quando avevo 16 anni. Ci siamo persi di vista e ci siamo ritrovati. Senza facebook lo vedrei/sentirei talmente poco ... io non sono "totalmente dipendente" ci sono come no su FB e se sparisco da lì sparisco anche da qui ... insomma ho più tempo per un mi piace ma è sempre una vita frenetica. Forse troppo. Però FB per me ... preso a piccole dosi ... è una gran bella cosa. Certamente ha i suoi lati negativi ... una volta uscivi e ti confrontavi, ora "mi piace" e "sei a posto". No non sei a posto perchè la vita è fuori dal monitor ma mi piace far sentire che ci sono.
avatar
differentgear
Moderatrice Pink
Moderatrice Pink

Messaggi : 9649
Data d'iscrizione : 16.03.13
Età : 46
Località : Trento

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il forum e il “libro delle facce”.

Messaggio Da castoro il Dom 12 Giu 2016, 05:52

domandina per Simpep e Zivago ma solo per curiosità, avete mai provato a frequentarlo FB ?

_________________
PB 10km (ott. 2011): 43'14"
PB Mezza (25/04/2014): 1h37'45"
PB 30km (ott 2011): 2h25'29"
PB Maratona (04/05/2014) 3h39'22"
PB 50km (18/01/2015): 5h12'36"
PB 58km (mar 2013): 6h23'01
100km del Passatore 2013: 17h47'05"
----------------
Ciao Paolo
avatar
castoro
Amministratore
Amministratore

Messaggi : 10429
Data d'iscrizione : 16.03.13
Età : 44
Località : Infernetto - Roma

http://www.robertotiberi.it/

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il forum e il “libro delle facce”.

Messaggio Da simpep il Dom 12 Giu 2016, 09:04

castoro ha scritto:domandina per Simpep e Zivago ma solo per curiosità, avete mai provato a frequentarlo FB ?

Ovviamente si, altrimenti che opinione sarebbe ?
Oltre l'uso commerciale/professionale, tu invece pensi che non presenti perdita reale di privacy o non abbia gli aspetti che ho provato a evidenziare ?
Poi ci sono una marea di lati positivi, se no non si sarebbe diffuso così.
Ma non tutte le cose che si diffondono facilmente sono per definizione solo positive, altrimenti anche i . . . .. virus dell'influenza.
Io provo, con i miei limiti, a vedere i pro e i contro.
Ma, come dici tu, solo per curiosità.
>sim

_________________
......La mia vita non la misuro da quanti respiri faccio, ma dai momenti che mi tolgono il respiro......
avatar
simpep
Moderatore
Moderatore

Messaggi : 3562
Data d'iscrizione : 28.12.13
Età : 66
Località : Monserrato (Cagliari)

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il forum e il “libro delle facce”.

Messaggio Da zivago il Lun 13 Giu 2016, 06:32

Io non ho mai utilizzato Facebook: non ho nemmeno lo smartphone.
Ho quindi aperto questa discussione (mi autocito) per:
chiedere a voi gente più “sgamata” nel mondo dei social:
« Cosa fa preferire Facebook ai più tradizionali forum? »
Per capire cioè se la ridotta partecipazione al nostro forum dipende dall'essersi spostata altrove.
Sono appunto curioso. Faccio domande, raccolgo pareri, esprimo dubbi. Sempre che non vi annoi o infastidisca.

Il dato di fatto è che storici e assidui “postatori” (si dice così?) sono spariti: chi perché da un'altra parte ha aperto un suo forum (senza spiegarne la ragione né avvisare); chi perché si è infortunato, è fermo e non ha di che scrivere; chi si limita ormai a mandare, a fine mese, il totale dei chilometri e delle gare; chi se n'è andato e basta.
Del resto anche i moderatori, colonna portante del forum, hanno molto diradato la loro presenza: non lo animano più come facevano un tempo.
Può essere che sia solo una fase di “stanca”? Che dipenda da difficoltà contingenti? Oppure, per dirla alla Vasco Rossi, è un momento che:
“ognuno è a rincorrere i suoi guai / ognuno col suo viaggio / ognuno diverso / e ognuno in fondo perso / dentro i cazzi suoi” ?!

Qualche risposta è venuta ma sono state evasive e poco convincenti. Chi più chi meno ci ha girato intorno dicendo di aver poco tempo. Possibile che invece prima (due o tre anni fa) tutti avevano più tempo per parlare del nostro sport e di tanto altro ancora?

Non potrebbe essere, piuttosto, che è il mezzo, il board, l'ambiente forum, ad essere ormai inadeguato? Non è che, con gli strumenti della moderna telefonia cellulare (gli smartphone), il modo di fare community in rete è proprio cambiato? Ovvero che “fare forum” come lo abbiamo fatto fin'ora non funziona più?

Vorrei comprendere meglio, sono curioso. Ancor più mi intriga il fatto che tu, caro castoro, sia incuriosito della mia curiosità. Trovo interessante questa discussione sul nostro differente uso del network. Mi sembra utile (non solo per noi due) il confronto tra due mondi che poco si capiscono, tra diverse visioni del comunicare e sviluppare relazioni in rete.
*****
P.S.
@ simpep
Ho trovato interessante questa tua considerazione su Facebook:
E' mia convinzione che la sua funzione primaria sia quella di essere una grande "esposizione umana" dove anche il più timido e "sempliciotto" dei soggetti si può ritagliare una vetrina da protagonista nella quale esporre anche la più "normale" delle idee, mimetizzata da "profonda riflessione". In sintesi, chiunque può percepire di diventare credibile e interessante.
Non che l'essere semplici e timidi sia negativo ("Beati gli umili. Beati i poveri di spirito"). È però vero che l'uso eccessivo dei social network può generare dell'illusorio protagonismo. Cosi come la costante connessione, l'ossessiva voglia di “like”, l'ansia di essere sempre all'attenzione di una moltitudine di “amici”: porta spesso (basta guardarsi attorno) ad un inconsapevole dipendenza.
*****
@ federoca
Però questa discussione un merito lo ha avuto. Abbiamo ritrovato la nostra Federica e ne siamo molto contenti.
*****
@ differentgear
“Tutto sommato rimpiango i vecchi tempi quando alla fine avevi meno agi ma sapevi anche cosa voleva dire stare sdraiato sul divano 5 minuti.”
Ma ti fanno fare una vita d'inferno! Non riesci a concederti nemmeno 5 minuti sul divano! Com'è possibile? Devi ribellarti!!
*****
@ tutti
Sulla questione del poco tempo a disposizione e di quanto invece ne consumiamo in rete su computer e quant'altro, ho una storia da raccontarvi.
Verso la metà degli anni 80, quando cominciai a lavorare con i computer, durante un corso di formazione un arguto istruttore ci diede degli ammonimenti circa il tempo che avremmo speso su quei nuovi strumenti:
1.-  quando lavorate con un computer tenete sempre davanti e in bella vista un grande orologio, meglio ancora un contaminuti. Annotate e tenete conto di quanto tempo consumate per ogni operazione, programmazione e lavoro portato a termine. Stare al computer fa perdere la cognizione del tempo: pare sempre di starci sopra poco tempo ma, in realtà, ci mangia le ore.
2.-  domandatevi sempre se quello che fate fare al computer non poteva essere fatto da voi stessi. Scoprirete che non sempre il calcolatore fa meglio e più in fretta di quanto possiate fare voi con carta e matita.
3.-  ora il computer, con i relativi device e applicazioni, vi faciliterà il lavoro, lo velocizzerà e perfezionerà. Se poi migliorerà le nostre vite e renderà più bello il mondo… lo scopriremo solo vivendo.

Beh! Devo dire, a distanza di 30 anni, che quell'uomo ci vedeva lungo.
avatar
zivago
Piè Veloce
Piè Veloce

Messaggi : 858
Data d'iscrizione : 03.07.14
Età : 62
Località : Brianza

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il forum e il “libro delle facce”.

Messaggio Da castoro il Lun 13 Giu 2016, 07:30

Avevo fatto questa domanda, perchè nella società moderna si tende secondo me troppo spesso a giudicare senza conoscere ma solo per sentito dire e/o per seguire la massa.
Ahimè avviene in qualsiasi campo e quando questo accade anche per il mondo politico, vuol dire che allora il popolo italiano merita quello che ha perchè è solo un branco di pecore che va dove tira il vento.
Chiaramente il riferimento non è per nessuno, ci mancherebbe altro, non mi permetterei mai di giudicare una persona tanto più avendone una limitata conoscenza virtuale, è che a mio avviso trovo un pò riduttivo molte volte leggere cose negative su un argomento senza che questo si conosca.
Il motivo per cui si preferisce FB al forum, è molto semplice, FB ormai su qualsiasi smartphone appena di accende è già in linea, questo forum invece ahimè essendo gratuito non ha la compatibilità, quindi risulta molto più difficile la sua lettura e ci si deve per forza collegare tramite un browser.
E' chiaro quindi che un conto è leggere e rispondere anche con un semplice smile ad una notifica che si riceve direttamente sul telefono, un conto (e qui gioca anche la pigrizia oltre che il poco tempo) è dover aprire il browser, aprire il sito del forum e cercare personalmente i nuovi messaggi dall'ultima visita, senza contare la limitata ampiezza del telefono nella visualizzazione del forum.
Tornando al discorso FB, come ho già detto è un validissimo strumento per diversi motivi, ma attenzione non sono un paladino di questo sistema, non è raro che a volte che mi prenda una pausa dallo stesso, anzi, qualche mese fa ho scelto di cancellare l'applicazione dallo smartphone, perchè ero stufo delle migliaia di notifiche che ricevevo ogni giorno,stava diventando un incubo, preferisco "godere" di una cosa piuttosto che "subirla".
E così come avviene per il forum, lo frequento al mattino e al massimo la sera per alcuni minuti al giorno, alcuni clienti, addirittura mi scrivevano messaggi su FB per richiedere o prendere appuntamenti, bastato "educarli" per fargli capire che non sono connesso 24h su 24 e che è meglio quindi un messaggio di WA o un SMS

_________________
PB 10km (ott. 2011): 43'14"
PB Mezza (25/04/2014): 1h37'45"
PB 30km (ott 2011): 2h25'29"
PB Maratona (04/05/2014) 3h39'22"
PB 50km (18/01/2015): 5h12'36"
PB 58km (mar 2013): 6h23'01
100km del Passatore 2013: 17h47'05"
----------------
Ciao Paolo
avatar
castoro
Amministratore
Amministratore

Messaggi : 10429
Data d'iscrizione : 16.03.13
Età : 44
Località : Infernetto - Roma

http://www.robertotiberi.it/

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il forum e il “libro delle facce”.

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum